Zhero Consulting

Nuove schede di sicurezza e interferenti endocrini

Dal 1 gennaio 2023 le SCHEDE DI SICUREZZA di miscele o sostanze devono essere conformi all’aggiornamento dell’All. II del REACH.
Questo allegato nel corso degli anni è stato modificato più volte: dal Regolamento (UE) n.453/2010, dal Regolamento (UE) 2015/830 e dal Regolamento (UE) 2020/878.

 

Le novità del Regolamento 2020/878

Le principali modifiche apportate dal Regolamento 2020/878, che si applicava in regime transitorio fino al 31 dicembre 2022, riguardano le concentrazioni di soglia delle sostanze pericolose ai fini della classificazione e della attribuzione delle caratteristiche di pericolosità. Inoltre sono introdotte nuove regole per l’indicazione in SDS degli interferenti endocrini, sono cambiate le informazioni sulle caratteristiche fisiche e le informazioni per il trasporto. Nel complesso le modifiche interessano o possono interessare le sezioni 1, 2, 3, 9, 11, 12 e 14 delle SDS.

 

Alla luce di questo come deve comportarsi l’utilizzatore?

Vi ricordo che la SDS di un prodotto deve essere inviata all’utilizzatore gratuitamente dal fornitore prima della consegna al cliente (utilizzatore), questo dice la norma, in realtà è consuetudine che siano i preposti aziendali, l’RSPP o l’ufficio acquisti a preoccuparsi dell’aggiornamento delle schede. Nella mia esperienza in questo campo mi è capitato di visionare schede di sicurezza vecchie di vent’anni, dove probabilmente solo il nome commerciale del prodotto era rimasto lo stesso. Per questo mi sento di consigliarvi vivamente di richiedere le SDS aggiornate al 2023, principalmente perché possono essere cambiate alcune classificazioni di rischio delle miscele utilizzate, con necessità di aggiornamento, quindi, della valutazione dei rischi.

 

Il parere del tecnico

A mio parere la più importante novità introdotta, per le sue positive ricadute sulla protezione dei lavoratori, riguarda gli interferenti endocrini, che devono essere indicati in modo ben più evidente rispetto a quanto prima potesse accadere.

 

Cosa sono gli interferenti endocrini

Gli interferenti endocrini sono delle sostanze chimiche che possono alterare il normale equilibrio ormonale accendendo, spegnendo oppure modificando i segnali inviati dagli ormoni, causando effetti avversi in un organismo, nella sua discendenza o in un sotto gruppo di popolazione.

Inoltre, uno stesso interferente endocrino può causare effetti diversi in relazione al sesso, da qui la necessità di valutarli in maniera distinta nei maschi e nelle femmine, anche in termini di maggiore o minore vulnerabilità. (fonte. ISS)

 

Perché la modifica dei parametri

La modifica dei parametri di indicazione di queste sostanze nelle schede di sicurezza ha due finalità principali.
Una immediata: è quella di una maggior tutela dei lavoratori eventualmente esposti.
Una a medio-lungo termine: è quella di ridurne l’uso complessivo nell’industria, favorendo la ricerca di composti alternativi meno pericolosi.
 
Queste sostanze vanno valutate bene, e l’esposizione eventuale dei lavoratori deve essere gestita nel modo migliore, inoltre molti interferenti endocrini sono ormai presenti nell’ambiente in modo ubiquitario.

Quindi, diamo tutti una mano a ridurne l’impiego, ove possibile, e a migliorarne lo smaltimento, come si dice…per un mondo migliore.

 

Ing. Roberto De Marco Zompit

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial