Zhero Consulting

Safe4Agri, il nostro progetto tra formazione innovativa e realtà virtuale

Il futuro della sicurezza in agricoltura si plasma attraverso una formazione innovativa, dove strumenti digitali e tecnologie all’avanguardia sono mezzi alla portata di tutti. Il nostro progetto Safe4Agri ne è un favoloso esempio, ecco di cosa si tratta

Il progetto

“SafeCulture for AgriCulture, formazione innovativa con realtà virtuale per prevenire gli infortuni negli ambienti confinati in agricoltura” (Safe4Agri) è un progetto vincitore del bando Erasmus+ dell’Unione Europea, che nasce grazie alla sinergia tra il team di Zhero Consulting e il partner francese ST Engineering. Il progetto, della durata di 18 mesi, si propone di sviluppare nuovi strumenti più performanti e inclusivi per la formazione nell’ambito della sicurezza negli ambienti confinati. 

La formazione oltre ogni barriera

La formazione nel campo della sicurezza sul lavoro è essenziale per evitare incidenti, lesioni gravi e persino la morte, in particolare nelle professioni ad alto rischio come il lavoro in spazi confinati in agricoltura. Tuttavia la formazione tradizionale spesso non riesce a superare le barriere linguistiche che molti dei lavoratori, soprattutto stranieri, incontrano durante le sessioni formative. Grazie al progetto Safe4Agri i lavoratori oltre a ore di corso teorico, avranno anche un addestramento specifico mediante l’utilizzo di un visore per la realtà virtuale.

La realtà virtuale

La realtà virtuale permetterà di simulare in un ambiente completamente controllato e in piena sicurezza una serie di stress o situazioni di emergenza, così da creare un’esperienza coinvolgente e formare il lavoratore sulle procedure corrette da seguire. La realtà virtuale permetterà di superare le barriere culturali, sfruttando il canale visivo e “immersivo” per focalizzare l’attenzione del lavoratore sull’obiettivo formativo.

Confined Park 2.0

L’addestramento con visore VR rappresenta un ulteriore passo avanti rispetto alle simulazioni e alle prove pratiche già organizzate e gestite da Zhero Consulting nel Confined ParK: un’area dove i lavoratori posso calarsi e sperimentare in piena sicurezza determinate simulazioni. Grazie alla realtà virtuale sarà possibile stimolare i lavoratori e riprodurre condizioni specifiche nelle quali andranno poi a operare come manutenzioni o pulizie in silos con grano, tini in acciaio per la vinificazione, tutto nell’ottica di formare i discenti in modo più completo ed efficace.

Una comunicazione efficace

Il progetto metterà a disposizione dei formatori nuovi e più efficaci strumenti che riusciranno a coinvolgere i lavoratori. Non comprendere le procedure, non indossare i DPI corretti per l’attività da fare può portare a situazioni di grave pericolo.

Grazie alla realtà virtuale sarà possibile coinvolgere maggiormente i lavoratori, creando per loro una realtà immersiva in cui si sentiranno come se stessero vivendo realmente quella situazione.

Tutto il materiale sviluppato sarà reso disponibile gratuitamente.

Se vuoi saperne di più o vuoi partecipare al progetto contattaci subito!

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial